le filastrocche

Il vento sale, verso Apricale con aria lesta, perchè oggi è festa
vien dalla valle, con su le spalle
gerle di fiori, dai mille colori
quasi lo implora, dolce signora
un giallo scialle, scarpe di viola.
ora è l'incontro,
la danza è antica
verdi le aiuole
il sole ride
la pioggia amica
la pietra è chiara
anche la vita è meno amara.
tra poco rondini, rane nel fosso,
e dietro il dosso
lucciole a mille
di notte sembrano tante scintille.
Le stelle occhieggiano, ormai è sera
il vento tace, c'è tanta pace
ad Apricale, su per le scale
la prima sera di primavera
Sciaman le streghe
insieme al vento
le puoi vedere ogni momento
dietro l'ulivo grigio e contorto
sopra le scale di un verde orto
lì nella forra dietro il canale
in quella nuvola che lenta sale sale.
L'inquisizione con grande talento
le ha distrutte
con grande tormento.
Via le streghe e i loro rituali
salvate gli uomini
e gli animali.
Ma le streghe che han sette vite
realmente non sono finite
esse sono ancora fra noi
e cercare ovunque le puoi.
Noi dobbiamo esser felici,
rassicurare parenti e amici
se le streghe sono tornate
con loro tornano anche le fate.

Scrivi un nuovo commento: (Clicca qui)

123homepage.it
Caratteri rimanenti: 160
OK Sta inviando...
Vedi tutti i commenti

Commenti più recenti

27.07 | 07:56

Super mamma l'unica cosa che non inganna è l'amore di una madre verso i propri figli ciao

...
10.01 | 17:31
I corti di PaRi ha ricevuto 4
28.08 | 18:19
Sotto il velo ha ricevuto 2
25.08 | 10:23
L'inganno ha ricevuto 3
A te piace questa pagina